martedì 18 novembre 2008

Da IL GAZZETTINO di Giovedi' 13 Novembre 2008

Di seguito posto l'articolo scritto da Loris Del Frate e pubblicato sul GAZZETTINO di ieri Giovedi' 13 Novembre 2008

Le norme volute dal ministro Gelmini mettono a rischio l’autonomia delle medie "Centro Studi" e Lozer.
Scuola, controffensive al decreto. Il Comune studia un piano per limitare i problemi. Si parte dal recupero del tempo pieno

Non sarà facile, ma il Comune sta cercando di mettere insieme un piano perlimitare i problemi che nel capoluogo potrebbero emergere in seguito all'introduzione del decreto sulla scuola voluto dal ministro Maria Stella Gelmini . «Per la verità - spiega subito l'assessore all'Istruzione, Gianantonio Collaoni - allo stato non c'è ancora un quadro sufficientemente chiaro per poter predisporre delle iniziative anche perchè i regolamenti non sono stati presentanti. In ogni caso - va avanti - stiamo lavorando su due fronti: cercare di garantire l'autonomia amministrativa a due scuole medie che nel capoluogo sono sotto i 500 studenti e soprattutto limitare i problemi alle famiglie nel caso in cui alle elementari dovesse saltare in alcuni istituti il tempo pieno». Iniziamo dall'autonomia scolastica. Allo stato attuale sia la scuola media Centro Storico, seppur di poco, che quella di Torre, la Giuseppe Lozer, sono sotto i numeri indicati dal decreto per mantenere l'autonomia. Dal prossimo anno, insomma, potrebbero essere accorpate a qualche altro istituto (pur mantenendo la sede) e perdere la presidenza oltre che l'intera filiera amministrativa. Torre ha circa 470 studenti, ma è garantita allo stato dalla presenza dei corsi per adulti. «Dal prossimo anno, però - spiega ancora Collaoni - dovrebbe essere istituito l'unico centro che si occupa dell'istruzione per gli adulti. Torre, insomma, pur mantenendo la sede perderebbe il numero che attualmente gli garantisce l'autonomia. L'ipotesi è quella di unire alla scuola media anche l'istituto delle elementari che ora fa parte del primo Circolo. In questo modo dovremmo riuscire a mantenere a Torre la presidenza. Discorso diverso per la Centro Studi che quest'anno è scesa sotto i 500 studenti. Se - come si legge nel decreto - si terrà conto anche dei dati storici, l'istituto non corre rischi, in caso contrario la situazione potrebbe modificarsi: la sede non è in discussione, ma la Centro Storico non disporrebbe più della sua autonomia amministrativa».
MOLTO più complesso, invece, trovare soluzioni nel caso in cui le elementari dovessero perdere il tempo pieno. «Sarebbe un serio problema per le famiglie -conclude Gianantonio Collaoni - sul quale il Comune ha ben poca possibilità di incidere. Noi ci stiamo attrezzando, qualche piccolo accorgimento forse riusciremo anche a trovarlo, ma garantire in toto il tempo pieno solo con l'intervento comunale sarà impossibile. Per ora abbiamo confermato la collaborazione con le due associazioni Scarabeo e Piccoli Amici per il pre e post scuola, ma dubito che - anche con tutta la buona volontà - i due sodalizi siano attrezzati per sostituire l'eventuale tempo pieno scolastico che si potrebbe perdere per gli effetti del decreto».

Link a IL GAZZETTINO.it

SCUOLA PREOCCUPATA


I genitori del circolo didattico in cui lavoro si sono organizzati in un gruppo spontaneo nato con l'intento di capire ciò cambierà nella scuola dell'infanzia e primaria alla luce dell'approvazione del decreto Gelmini. Riporto di seguito il contenuto del volantino informativo che è stato distribuito per pubblicizzare la prima iniziativa pubblica. Io vi parteciperò nella doppia veste di maestra e mamma.

I GENITORI ORGANIZZANO UN INCONTRO PER LE FAMIGLIE DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA DEL 2° CIRCOLO DIDATTICO DI PORDENONE IL:18 NOVEMBRE ALLE ORE 18.00 PRESSO L’ORATORIO SAN FRANCESCO VIA CAPPUCCINI PORDENONE

Un’ occasione per informarsi, conoscere e leggere insieme il contenuto dei provvedimenti della Riforma Gelmini
Con l’aiuto e l’esperienza: della dott.ssa Cinzia Mion (ex dirigente scolastica, psicologa, formatrice per insegnanti e genitori)
È prevista la partecipazione di Gianantonio Collaoni (Assessore all’Istruzione del Comune di Pordenone)
……perché la scuola è nostra.
La scuola è nostra sempre, ogni giorno. La scuola è nostra quando ci autotassiamo per pagarci quello che lo Stato non passa: i tovaglioli di carta per la mensa, i rotoloni per asciugarsi le mani, la carta per le fotocopie, i biglietti dell’autobus per raggiungere musei e teatri...
La scuola è nostra quando organizziamo spettacoli teatrali per raccogliere fondi.
La scuola è nostra quando organizziamo le feste di fine anno.
La scuola è nostra quando aiutiamo gli insegnanti ad abbellirla per il Natale.
La scuola è nostra quando nelle assemblee di classe ci confrontiamo sui contenuti didattici, sui principi e sugli stili educativi.
La scuola è nostra quando organizziamo delle iniziative per consolidare le relazioni fra i bambini della classe anche al di fuori della scuola.………………
Potremmo continuare, l’elenco è senza fine.

Abbiamo assaporato che cosa vuole dire una buona scuola, al passo con i tempi, una scuola in cui i nostri figli vanno volentieri e che apre loro la mente, che insegna loro a confrontarsi su tutto, a comprendere e rispettare le diversità, ad essere attivi, propositivi, critici, una scuola in cui c’è il tempo per ascoltarli ed accompagnarli nel loro percorso di crescita.Vogliamo che questa opportunità continui ad essere garantita adesso e in futuro per chi verrà dopo.
Per iscriversi alla newsletter o per comunicazioni e-mail: genitori2circolo-pn@libero.it
l'incontro è aperto a tutti gli interessati

martedì 4 novembre 2008

Ma quanto mi piace MIDISEGNI!


Midisegni.it è un bel sito ricco di immagini. I disegni, organizzati in pratiche categorie, possono essere scaricati (tramite download) e stampati per uso privato, in ambito familiare, ma anche per uso pubblico, da enti, scuole o associazioni, se utilizzati a scopo puramente informativo e didattico. Quando devo preparare una scheda didattica e cerco un disegno originale da inserirvi mi collego a midisegni e il gioco è fatto! E non basta. Se vi servono disegni particolari per percorsi specifici basta segnalarlo al gestore del sito e lui ve li prepara, A GRATIS!!! Bello vero? Bello soprattutto per chi come me è proprio negata nel disegno.

La solita zuppa che non sa di niente

video

Davvero vogliamo accontentarci della solita zuppa che non sa di niente? Per sapere a cosa mi riferisco guardatevi questo video di Ascanio Celestini.